Kidsgram

Viola, per favore, vai nella tua stanza e fai un po’ di compiti.
No mamma, proprio no.
Viola ho detto vai a fare i compiti. Adesso.
No, è il mio ultimo giorno di vacanza, voglio rilassarmi senza compiti.
– Viola, ma che cosa devo dirti per farti fare i compiti?!
– Nulla, tanto non li faccio.
Ok, non vuoi fare i compiti? Allora niente più gelato per merenda come ti avevo promesso.
Hashtag I need another mom!

#Ineedanothermom

Non so se capitava anche a voi, ma un tempo se mio padre mi sgridava, io minimo minimo mi mettevo a piangere. Se poi il tono di papà era più arrabbiato del solito, mi veniva un ansia di quelle che sembrava mi scoppiasse il cuore da un momento all’altro. Mi cresceva un magone in gola che tentavo inutilmente di reprimere tra le lacrime che scendevano ed il naso che mi colava. Alla fine la disperazione era cosi tanta che mi gettavo a capofitto tra le braccia di mia madre sperando che almeno lei non ce l’avesse con me.

Oggi, parti con le buone e ti ignorano, alzi il tono e sembra che siano tutti sordi, passi alle minacce e loro passano al contrattacco. Certo la mia era una minaccia soft, oserei definirla un po’ vintage quasi: niente gelato se non fai la brava. Ma davvero pensavo di farle paura? A questi non gli devi parlare di calorie, gli devi parlare di byte, di pixel, di criptovaluta. Prova a dire ” o fai come ti dico o ti tolgo l’IPAD”. Vedi gli occhi del bambino trasformarsi che neanche se vedessero King Kong in persona gli verrebbe un terrore simile.

So bene che minacciare o ricattare un bambino non è mai una scelta felice. Bisognerebbe mettersi li, con il tono calmo e pacato, a spiegare loro perché è importante che facciano i compiti, però…  siamo realisti. Alle volte, quando sei stanco, al lavoro ti hanno fatto incazzare, sei stato un’ora e mezzo in coda per tornare a casa, hai mal di testa e nessuno ti aiuta nemmeno ad apparecchiare, ci sta pure che non ti rimanga altra arma al mondo che un piccolo ricatto. Montessori perdonaci, ma la vita è dura e non è che abbiamo sempre tutto sto tempo…!

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.